Precauzioni aeree per il virus dell’herpes zoster

Panoramica

Secondo l’American Academy of Dermatology, l’herpes zoster risulta dalla riattivazione del virus che provoca la polpa di pollo all’interno di cluster di radici nervose sensori chiamate gangli. Le persone con herpes zoster possono diffondere il virus in persone non immunitarie, con conseguente pocco di pollo. I centri per la prevenzione e la prevenzione delle malattie raccomandano precauzioni aeree in determinate circostanze per controllare la diffusione del virus a individui non immuni mediante aerosol infettivi creati quando una persona infetta parla, respiri o tossira. A causa della necessità di apparecchiature specializzate, le precauzioni in aria possono essere osservate completamente solo in ambito sanitario.

indicazioni

Le precauzioni aeree non dovrebbero essere applicate a tutti i pazienti con herpes zoster, osserva i centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. Le indicazioni per le precauzioni inerenti all’aria comprendono i problemi del sistema immunitario, come l’AIDS o la leucemia e l’esca estesa. Le persone con una o entrambe queste condizioni sono presunte per circolare il virus attraverso le loro secrezioni respiratorie e salivari, quindi la necessità di precauzioni in volo. Le precauzioni aeree possono essere interrotte quando le lesioni cutanee dovute alla crosta di herpes zoster perché, secondo il CDC, segnali di crosta che una persona non è più contagiosa.

N95 maschere respiratorie

Il CDC raccomanda una maschera con un rating di “N95” o superiore per controllare la diffusione del virus che causa herpes zoster e pollo. I caregiver e i contatti non immuni devono indossare la maschera quando entrano nella stanza malata. Le persone malate devono indossare la maschera quando lasciano la stanza malata. Poiché l’efficacia di un qualsiasi respiratore dipende dalla tenuta tra la pelle e la maschera, il CDC raccomanda “test di idoneità” per assicurare una buona vestibilità e fornire formazione sulla corretta applicazione della maschera. Un infermiere di controllo delle infezioni in genere svolgerà la formazione usando molecole di profumo non infettive che non possono essere rilevate se la maschera si adatta correttamente.

Camera d’isolamento per infezioni aerea

Il CDC definisce una sala di isolamento dell’infezione aviaria, o A.I.I.R., come stanza singola per pazienti dotata di funzioni di trattamento dell’aria e di ventilazione che soddisfano gli standard stabiliti dall’Istituto di riferimento delle strutture di American Institute of Architectures. In particolare, la stanza deve essere progettata per mantenere una pressione d’aria inferiore a quella delle stanze e dei corridoi circostanti, in modo che l’aria venga estratta quando si apre la porta, piuttosto che fuori. L’aria deve scambiarsi da 6 a 12 volte l’ora, sia con aria fresca che esterna o aria circolata attraverso un filtro speciale. Quando un A.I.I.R. Non è disponibile, il CDC prevede che un paziente deve essere trasferito in una struttura che abbia un A.I.I.R.

Personale designato

Alcune delle infezioni, tra cui herpes zoster e polli, che richiedono precauzioni nell’aria non possono essere trasmesse a persone già immunitarie a causa della precedente esposizione o vaccinazione. Laddove possibile, il CDC raccomanda di designare il personale immunitario a curare i pazienti. Nel caso di herpes zoster, il CDC richiede che i lavoratori sanitari documentino l’immunità attraverso test di anima pre-occupazione per gli anticorpi, seguiti da vaccinazione in coloro che non sono immuni. Così, il personale designato è raramente un problema nel caso di precauzioni aeree per herpes zoster.